samedi 25 février 2017

Saint GERLAND (GERLANDO) d'AGRIGENTE, évêque et confesseur

Saint Gerland

Evêque en Sicile et confesseur ( 1101)

Il était originaire de Besançon, mais, pour des raisons familiales, il partit en Sicile. Pour l'affranchir des Arabes, Robert Guiscard, le chef normand, en fit un évêque à Catane. Mais l'ambiance morale de la ville ne plaisant pas à saint Gerland, il préféra devenir évêque d'Agrigente, au cœur de l'île. Il y fut soutenu par le Pape Urbain II qui l'encourageait à remettre en activité une Église très malmenée par la présence sarrasine. 

À Agrigente en Sicile, l’an 1100, saint Gerland, évêque. Originaire de Bourgogne, il réorganisa son Église, libérée de l’occupation des Sarrasins.


Martyrologe romain
Gerland of Girgenti B (AC)
Born in Besançon, France; died 1104. Saint Gerland is said to have been related to the Norman conqueror of Sicily, Robert Guiscard. He was consecrated bishop of Girgenti by Urban II, and labored for the restoration of Christianity in Sicily after the expulsion of the Saracens. It is said that Gerland was continually saddened by the sight of the world (Benedictines, Encyclopedia).
San Gerlando di Agrigento Vescovo


Al vescovo Gerlando si deve la riorganizzazione della diocesi di Agrigento dopo la lunga occupazione musulmana che durò dall'829 al 1086. Secondo alcuni studiosi Gerlando era nativo di Besançon e fu nominato primicerio della «Schola cantorum» della chiesa di Mileto (Catanzaro) dal gran conte di Sicilia Ruggero I degli Altavilla. Dopo la riconquista di Agrigento dall'occupazione araba e il ristabilimento della gerarchia ecclesiastica nell'isola, Gerlando fu nominato dallo stesso conte, vescovo della città nel 1088. Venne consacrato a Roma da papa Urbano II. La sua opera di riorganizzazione della comunità cristiana di Agrigento, che oggi lo venera come patrono, lo portò in sei anni a costruire l'episcopio e la cattedrale, dedicati alla Madonna e a san Giacomo. A lui si deve la fortificazione del castello di Agrigento, che allora si chiamava Girgenti dal precedente nome arabo «Gergent». Partecipò al convegno di Mazara del 1098 e battezzò il signore arabo Chamud, chiamato poi Ruggero Achmet. Morì il 25 febbraio 1100. (Avvenire)

Martirologio Romano: Ad Agrigento, san Gerlando, vescovo, che riordinò la sua Chiesa liberata dal potere dei Saraceni.

Qualche studioso lo dice nativo di Besançon, appartenente alla popolazione celtica ‘allobroga’ e parente del gran conte di Sicilia Ruggero I degli Altavilla (†1101), fu uomo di grande carità, erudito nelle sacre discipline. 

Nominato da Ruggero primicerio della ‘Schola cantorum’ della chiesa di Mileto (Catanzaro), dopo la riconquista di Agrigento (1086) dall’occupazione araba e il ristabilimento della gerarchia ecclesiastica nell’isola, fu nominato dallo stesso conte, vescovo della città nel 1088 (la bolla di conferma pontificia è del 1098), venendo consacrato a Roma dallo stesso papa Urbano II. 

Nel suo viaggio di ritorno, passando per Bagnara in provincia di Reggio Calabria, predisse al priore del locale monastero Drogone che sarebbe stato suo successore. 

Ritornato ad Agrigento, Gerlando si adoperò alla riorganizzazione della diocesi, che dopo l’occupazione musulmana durata dall’829 al 1086, contava ben pochi cristiani e in sei anni edificò l’episcopio e la cattedrale che dedicò alla Madonna e a S. Giacomo; fortificò il castello di Agrigento, nome assunto dalla città nel 1927, ma che allora si chiamava Girgenti dal nome messo dagli arabi ‘Gergent’. 

Sappiamo inoltre che partecipò al convegno di Mazara del 1098 in cui il gran conte Ruggero I e i vescovi della Sicilia si accordarono per la ripartizione delle decime; a lui si dà il merito di aver battezzato e evidentemente convertito, il signore arabo Chamud, chiamato poi Ruggero Achmet. 

Gerlando dopo dodici anni di episcopato, morì il 25 febbraio 1100; le sue reliquie ebbero varie ricognizioni e traslazioni ad opera dei vescovi agrigentini nel 1159 e 1264. 

Il vescovo Giovanni Oroczo de Covarruvios, nel 1598, ordinò in onore del santo patrono della città, delle solenni feste, rimaste famose negli annali storici agrigentini, vi parteciparono fra l’altro ben 8640 confratelli di 29 confraternite, tutti in divisa propria, oltre a tutto il clero secolare e regolare della diocesi. 

L’ultima traslazione delle reliquie è del 1630, esse poste in una magnifica arca d’argento sbalzato, furono sistemate nella cappella della cattedrale dove sono tuttora. 

Una volta la festa della traslazione era celebrata con grande solennità e partecipazione di tutta la diocesi, oggi il culto esterno è alquanto ridotto.


Autore: Antonio Borrelli


Voir aussi : Errico Cuozzo, « Les évêques d'origine normande en Italie et en Sicile » dans Pierre Bouet et François Neveux, Les évêques normands du XIe siècle : Colloque de Cerisy-la-Salle (30 septembre - 3 octobre 1993), Caen, Presses universitaires de Caen, 1995, 330 p. (ISBN 2-84133-021-4), p. 67-78.

Saint ETHELBERT de KENT, roi




ETHELBERT (mort en 616) roi du Kent (560-616)
Un des premiers souverains saxons qui ait eu quelque importance après les invasions barbares. Ethelbert (ou Æthelberht) semble avoir réussi à établir sa suprématie sur d'autres branches des peuples conquérants et aurait été l'un des sept souverains ayant accédé au titre de Bretwalda, symbole de souveraineté sur l'Angleterre du Sud tout entière. Ayant épousé Berthe, fille du roi franc Caribert Ier, il l'autorise à pratiquer la religion chrétienne à Canterbury, sa capitale. En 597, il accorde l'hospitalité à saint Augustin, envoyé par Grégoire le Grand, et finit par se convertir lui-même au christianisme ; il encourage ses sujets à l'imiter, tout en refusant de les y contraindre. Il aide Augustin à construire ou à reconstruire plusieurs églises, et le moine en mission fixe provisoirement à Canterbury la métropole catholique de l'Angleterre. Cette situation provisoire convient à Ethelbert, qui n'aurait pas facilement admis de voir passer à Londres la suprématie religieuse, et elle sera donc consolidée et pérennisée. Le roi réussit à convaincre des souverains moins importants d'imiter son propre comportement religieux. Il promulgue en 604 un code de lois, en partie inspiré des derniers codes romains, mais où une large place semble faite au principe de la composition. Bien que le triomphe de la religion chrétienne ait été remis en question dès la mort du souverain, celui-ci n'en a pas moins influé sur la carte diocésaine future de l'Angleterre.
Roland MARX, « ETHELBERT (mort en 616) roi du Kent (560-616)  », Encyclopædia Universalis [en ligne], consulté le 25 février 2017. URL : http://www.universalis.fr/encyclopedie/ethelbert/


Ethelbert of Kent, King (RM)
(also known as Ædilberct, Æthelberht, Aibert, Edilbertus)

Born c. 560; died at Canterbury on February 24, 616; feast day formerly February 24.


In the days of the Saxons, Ethelbert, great-grandson of Hengist, the first Saxon conqueror of Britain, reigned for 36 years over Kent beginning about 560, the oldest of the kingdoms. Although he had been defeated by Ceawlin of Wessex at the battle of Wimbledon in 568, Ethelbert became the third bretwalda of England, exercising supremacy over all other Saxon kings and princes south of the Humber. Under his rule Kent was the most cultured of the Anglo-Saxon kingdoms; it was closely associated with the Frankish Rhineland.

He married a Christian princess, Bertha, granddaughter of King Clovis of the Franks and sister of Chilperic's brother Charibert, king of Paris. Bertha brought with her to England her own chaplain, Bishop Saint Liudhard of Senlis, and in a church built in Roman times in Canterbury that was dedicated to Saint Martin, he preached the Gospel in a heathen land.

Bertha herself was lovable and gentle, and though we know little of her life, her memory remains as a bright light shining in the darkness of those ancient days. Bertha was a zealous and pious Christian princess, who by the articles of her marriage had free liberty to exercise her religion. To Ethelbert and his people she brought the pattern and example of a Christian life and prepared the way for the coming of Augustine (Austin). Although in one place Saint Gregory the Great compares her piety and zeal to that of Saint Helen, as late as 601, he reproached her for not having converted her husband.

Although Ethelbert was a very courteous man, he was himself not yet a Christian. When Augustine and his missionaries, sent from Rome by Gregory the Great, landed on the isle of Thanet and requested Ethelbert's permission to preach, he ordered them to remain where they were and arranged for them to be well tended until he had reached a decision.

Ethelbert feared that the missionaries might be magicians, so he would not receive them indoors, in case he needed to retreat quickly from their sorcery. In that time they believed at that time, an evil spell would be ineffective outdoors. So the king arranged to meet them in the open air on Thanet Island under a great oak.

They came in the bright morning light, the emissaries of Rome, bearing before them a great silver cross and a picture of our Lord painted on a large wooden panel, and chanting Gregorian strains. At their head marched Augustine, whose tall figure and patrician features were the center of attention. it was a moving sight, and who could have foretold all that the day held in store for England! As the paraded forwarded they prayed for their salvation and that of the English.

The king, surrounded by a great company of courtiers, invited the visitors to be seated, and after listening carefully to what Augustine had to say, gave a generous answer: "You make fair speeches and promises, but all this is to me new and uncertain. I cannot all at once put faith in what you tell me, and abandon all that I, with my whole nation, have for so long a time held sacred. But since you have come from so far away to impart to us what you yourselves, by what I see, believe to be the truth and the supreme good, we shall do you no hurt, but, on the contrary, shall show you all hospitality, and shall take care to furnish you with the means of living. We shall not hinder you from preaching your religion, and you may convert whom you can."

He accommodated them in the royal city of Canterbury and before the year was over there were 10,000 converts according to a letter from Saint Gregory to Patriarch Eulogius of Alexandria. On Whit Sunday 597 (traditionally, though it is more likely to have occurred in 601), King Ethelbert himself was baptized by Saint Augustine. In 601, Gregory wrote an encouraging letter to Ethelbert, congratulating him on becoming a Christian. Not since the conversions of Constantine and Clovis had Christendom known an event so thrillingly momentous.

From that time, Ethelbert was changed into another man. His only ambition during the last 20 years of his life was to establish the perfect reign of Christ in his own soul and in the hearts of his subjects. His ardor in penitential exercises and devotion never abated. It must have been difficult to master his will in the while wielding temporal power and wealth, but Ethelbert continuously advanced in the path of perfection.

In the government of his kingdom, his thoughts were completely turned upon the best means of promoting the welfare of his people. He enacted wholesome laws, abolished the worship of idols, and turned pagan temples into churches. While he granted religious freedom to his subjects, believing conversion by conviction was the only true conversion, thousands of them also became Christians. His code of laws for Kent is the earliest known legal document written in a Germanic language. The first law decreed that any person who stole from the church or clergy must make immediate reparation.

Ethelbert gave his royal palace of Canterbury to Saint Augustine for his use, founded a cathedral there, and built the abbey of Saints Peter and Paul (later called Saint Austin's) just outside the city walls. He also laid the foundations for Saint Andrew's in Rochester and many other churches. King Ethelbert was instrumental in bringing King Sebert (Sabert) of the East Saxons and King Redwald of the East Angles to faith in Christ. He built the cathedral of Saint Paul's in London in the territory of King Sebert.

Saint Gregory the Great, delighted with the progress made in the English mission field, sent a number of presents to King Ethelbert. The pope wrote that "by means of the good gifts that God has granted to you, I know He blesses your people as well." He urged King Ethelbert to destroy the shrines of idols and to raise the moral standards of his subjects by his own good example.

Upon his death, Ethelbert was buried beside his first wife Bertha in the porticus (side-chapel) of St. Martin in the Abbey Church of SS. Peter and Paul. Later his relics were deposited under the high altar of that same church, then called Saint Austin's. Polydore Virgil reports that a vigil light was kept before the tomb of Saint Ethelbert, and was sometimes an instrument of miracles even in the days of King Henry VIII. There seems to have been an unofficial cultus at Canterbury from early times, but his feast is found in calendars only from the 13th century, and generally on February 25 or 26, because Saint Matthias occupied February 24. He is commemorated in both the Roman and British Martyrologies (Attwater, Benedictines, Bentley, Delaney, Farmer, Gill, Husenbeth).

Bienheureux CONSTANT de FABRIANO, prêtre dominicain

Bienheureux Constant Servoli de Fabriano

Prêtre dominicain ( 1481)

Homme zélé menant une vie austère et homme de paix, il prit part à la réforme de l'Ordre. Son corps est encore vénéré dans l'église de Saint Pierre d'Ascoli Piceno, alors que son chef l'est dans la cathédrale de Fabriano.

À Ascoli Piceno dans les Marches, en 1481, le bienheureux Constant Servoli de Fabriano, prêtre de l’Ordre des Prêcheurs, qui s’illustra par l’austérité de sa vie et son zèle à promouvoir la paix.


Martyrologe romain



Blessed Constantius of Fabriano, OP (AC)

Born in Fabriano, Marches of Ancona, Italy, 1410; died at Ascoli, Italy, 1481; equivalently beatified in 1821 (or 1811).


Constantius Bernocchi is as close to a 'sad saint' as it's possible for a Dominican to get; he is said to have had the gift of tears. However, that is not his only claim to fame.

Constantius had an remarkable childhood, not only for the usual signs of precocious piety, but also for a miracle that he worked when he was a little boy. Constantius had a sister who had been bedridden most of her nine years of life. One day, the little boy brought his parents in to her bedside and made them pray with him. The little girl rose up, cured, and she remained well for a long and happy life. Naturally, the parents were amazed, and they were quite sure it had not been their prayers that effected the cure, but those of their little son.

Constantius entered the Dominicans at age 15, and had as his masters Blessed Conradin and Saint Antoninus. He did well in his studies and wrote a commentary on Aristotle. His special forte was Scripture, and he studied it avidly. After his ordination, he was sent to teach in various schools in Italy, arriving eventually at the convent of San Marco in Florence, which had been erected as a house of strict observance. Constantius was eventually appointed prior of this friary that was a leading light in the reform movement. This was a work dear to his heart, and he himself became closely identified with the movement.

Several miracles and prophecies are related about Constantius during his stay in Florence. He one day told a student not to go swimming, because he would surely drown if he did. The student, of course, dismissed the warning and drowned. One day, Constantius came upon a man lying in the middle of the road. The man had been thrown by his horse and was badly injured; he had a broken leg and a broken arm. All he asked was to be taken to some place where care could be given him, but Constantius did better than that--he cured the man and left him, healed and astonished.

Constantius was made prior of Perugia, where he lived a strictly penitential life. Perhaps the things that he saw in visions were responsible for his perpetual sadness, for he foresaw many of the terrible things that would befall Italy in the next few years. He predicted the sack of Fabriano, which occurred in 1517. At the death of Saint Antoninus, he saw the saint going up to heaven, a vision which was recounted in the canonization process.

Blessed Constantius is said to have recited the Office of the Dead every day, and often the whole 150 Psalms, which he knew by heart, and used for examples on every occasion. He also said that he had never been refused any favor for which he had recited the whole psalter. He wrote a number of books; these, for the most part, were sermon material, and some were the lives of the blesseds of the order.

On the day of Constantius's death, little children of the town ran through the streets crying out, "The holy prior is dead! The holy prior is dead!" On hearing of his death, the city council met and stated that it was a public calamity.

The relics of Blessed Constantius have suffered from war and invasion. After the Dominicans were driven from the convent where he was buried, his tomb was all but forgotten for a long time. Then one of the fathers put the relics in the keeping of Camaldolese monks in a nearby monastery, where they still remain (Benedictines, Dorcy, Encyclopedia).

Saint CÉSAIRE de NAZIANCE, médecin, intendant et confesseur





Saint Césaire de Nazianze

Confesseur ( 369)

Frère cadet de saint Grégoire de Nazianze, il le suivit dans les grands centres culturels de son époque où il apprit, avec succès, les mathématiques, l'astronomie, la philosophie, donnant toutefois 
préférence à la médecine. Nommé médecin du palais impérial à Constantinople, il fut l'un des rares chrétiens à ne pas avoir été exilé par Julien l'Apostat. Sous le règne de Valens, il fut nommé questeur des finances publiques à Nicée. Ce n'est que plus tard qu'il demandera le Baptême, rendant son âme à Dieu quelque temps plus tard. Son frère, saint Grégoire le théologien, prononcera son éloge funèbre, dont nous avons encore le texte dans la Patrologie grecque.

À Nazianze en Cappadoce, l’an 369, saint Césaire, médecin, frère de saint Grégoire. Il fut intendant de Bithynie et mourut peu après son baptême, faisant des pauvres ses héritiers.

Martyrologe romain

Saint Césaire de Nazianze

Frère de saint Grégoire le théologien

Fête le 25 février

† 369

Autre graphie : Césaire ou Cézaire

Frère de saint Grégoire de Naziance et fils de l’évêque Grégoire de Nazianze l’Ancien, il se fit une brillante réputation de médecin à Constantinople et défendit ardemment sa foi contre Julien l’Apostat. Après la mort de ce dernier, il fut intendant de Bithynie ; il vécut ensuite en reclus pour ne plus songer qu’à son salut. Saint Césaire de Nazianze est fêté en Orient le 9 mars.



Caesarius Nazianzen (RM)

Born c. 329; died 369. Son of Gregory the Elder, bishop of Nazianzen, and brother of Gregory Nazianzen, Saint Caesarius studied philosophy and medicine at Alexandria and Constantinople and became a famous physician. He was named physician to Emperor Julian the Apostate, a schoolmate of his brother. When Julian apostatized he tied to persuade Caesarius to do likewise. He rebuffed the emperor's efforts to get him to abjure his religion though he was yet only a catechumen. Finally, he resigned his position to avoid continued harassment, although Julian exempted him from the various edicts promulgated against Christians. Later, Caesarius was physician to Emperor Jovian, and Emperor Valens made him treasurer for his own private purse.


Like so many Christians of the period, Caesarius remained a catechumen nearly all his life. He was baptized in 368 after he had narrowly escaped death in an earthquake in Nicaea, Bithynia. When he died, he left his fortune to the poor. We owe all the information we have about Caesarius to the funeral oration delivered by his brother Gregory. The Greeks honor his memory on March 9, as Nicephorus testifies, (Hist. l. 11, c. 19,) and as appears from the Menaea: the Roman Martyrology he is named on the 25th of February (Benedictines, Bentley, Delaney, Husenbeth).
San Cesario di Nazianzo Confessore


E' il fratello di San Gregorio Nazianzeno. Era medico alla corte imperiale di Bisanzio sotto Giuliano l’Apostata, che tentò inutilmente di riconvertirlo al paganesimo. San Cesario rimase per gran parte della sua vita un catecumeno. Si fece battezzare solo dopo essere sfuggito miracolosamente alla morte durante un terremoto avvenuto a Nicea. I particolari della Sua vita sono riportati nella commossa orazione funebre composta dal fratello Gregorio.

Etimologia: Cesario = nome di famiglia romana, assurto a dignità imperiale; grande, dall'etr

Martirologio Romano: A Nazianzo in Cappadocia, nell’odierna Turchia, san Cesario, medico, fratello di san Gregorio Nazianzeno.

Famiglia numerosa e di eccezionali virtù cristiane fu quella in cui nacque Cesario, giacché anche il padre Gregorio, la madre Monna, il fratello Gregorio, il celebre teologo, sono venerati come santi. Nato nel 330, dalla città natale passò ad Alessandria per dedicarsi allo studio della geometria, dell'astronomia e soprattutto della medicina. Ritornato in patria, esercitò la professione di medico ottenendo tanti validi successi da meritare la fiducia dell'imperatore Costanzo che lo chiamò a Costantinopoli. Anche il successore Giuliano l'Apostata lo confermò nell'incarico di medico di corte, nonostante rifiutasse di aderire al ripristino del culto pagano. Dall'imperatore Gioviano fu nominato questore della Bitinia, ove nel 368 si salvò quasi prodigiosamente da un funesto terremoto. L'episodio, però, determinò in Cesario una crisi spirituale per cui decise di abbandonare ogni pubblico incarico per dedicarsi più assiduamente alla salvezza della sua anima. Si fece amministrare il Battesimo, condusse poi vita penitente, finché fu colto da morte precoce (369).

Nel testamento dispose che ogni sua ricchezza fosse donata ai poveri. Tali particolari sono accennati nell'orazione funebre tenuta dal fratello Gregorio, documento che per sé, però, non costituisce una prova della venerazione e del culto, probabilmente sviluppatosi assai tardi. Infatti, presso i latini la prima menzione si trova nel Martirologio Romano al 25 febbraio; tuttavia, presso i greci il culto è senz'altro più antico e la memoria del santo viene celebrata il 9 marzo.


Autore: Gian Domenico Gordini


Sainte WALBURGA, abbesse bénédictine


Walburga, OSB Abbess (RM)
(also known as Bugga, Gaudurge, Vaubourg, Walpurga, Walpurgis)

Born in Devonshire, Wessex, England; died at Heidenheim, Swabia, Germany, February 25, 779; feasts of her translation are celebrated May 1, October 12 (to Eichstätt), and September 24 (to Zutphen).

When Saint Boniface evangelized the Germans, he took with him as fellow apostles his two nephews, Willibald and Winebald, who were the sons of Saint Richard, king of the West Saxons. So successful was their enterprise that fresh reinforcements of missionaries were requested and the monasteries of England were stirred by the news of their progress. Indeed, it was hardly possible to restrain the ardent faith and enthusiasm of those who wanted to join them, and there sailed boat after boat of eager volunteers.
Nor in that stirring hour were the womenfolk unmoved in their wish to follow, and Boniface asked for a colony of nuns to be sent out. Among them was his own niece, Walburga, a nun of Wimborne under Saint Tatta and sister of Willibald and Winebald, for she, too, had heard the call and had immediately followed Saint Lioba to Germany.
Walburga had been educated at the double monastery of Wimbourne in Dorset and decided there to consecrate her life to God by becoming a nun. When she answered the call to Germany, she spent two years evangelizing in Bischofsheim, impressing the pagans with her medical skills.
Winebald founded a double monastery at Heidenheim, where she was appointed abbess and Winebald ruled the men. She must have been a remarkable woman, for so great was her influence that on his death the bishop of Eichstätt appointed Walburga in his place and gave her charge over both the men's and women's congregations. Walburga died as abbess of Heidenheim, whence her relics were translated to Eichstätt.
This English woman had the curious destiny of attaining a place in German folklore. The night of May 1 (the date of the transfer of her relics to Eichstätt in 870) became known as Walpurgisnacht. May 1 had been a pagan festival marking the beginning of summer and the revels of witches, hence the traditions of Walpurgisnacht, which have no intrinsic connection with the saint. Nevertheless, her name became associated with witchcraft and other superstitions (cf. Goethe's Faust, pt. i, Walpurgis night in the Hartz mountains). It is possible, however, that the protection of crops ascribed to her, represented by the three ears of corn in her icons, may have been transferred to her from Mother Earth (Walborg).
Her shrine was an important pilgrimage site because of the 'miraculous oil' that exudes from the rock on which her shrine is placed. A fine collection of 16th- to 20th-century phials for its distribution is kept at Eichstätt. In 893, Walburga's relics were inspected and diffused, some to the Rhineland, others to Flanders and France, which spread her cultus to other countries. One important center was Attigny, where Charles the Simple established a shrine in his palace chapel and named her patron of his kingdom. Today she lies peacefully in the vault of the 17th- century Baroque church bearing her name--a symbol not of witchcraft, but of Christian healing and mission (Attwater, Benedictines, Bentley, Encyclopedia, Farmer, Gill).
In art, Saint Walburga is generally portrayed as a royal abbess with a small flask of oil on a book. At times (1) she may have three ears of corn in her hand; (2) angels hold a crown over her; (3) she is shown in a family tree of the Kings of England; (4) she is shown together with her saintly brothers; or (5) miracles are taking place because of the oil extruding from her tomb (Roeder). She is venerated at Eichstätt (Roeder). Walburga has been portrayed by artists from the 11th until the 19th centuries. Especially noteworthy is a 15th-century tapestry cycle of her life. A modern abbess of Eichstätt was sufficiently important to be selected to negotiate the surrender of the town to the Americans at the end of the Second World War.
Saint Walburga is invoked against coughs, dog bite (rabies), plague, and for good harvests (Roeder). 


Santa Valburga (Valpurga) Badessa di Heidenheim
Devonshire, Wessex, Inghilterra, 710 c. - Heidenheim, Germania, 25 febbraio 779
Di lei si sa che visse nel secolo VIII, di stirpe inglese, Valburga era sorella dei santi Villibaldo e Vunibaldo, faceva parte del gruppo di monache e monaci che aiutarono s. Bonifacio (680-755) ad evangelizzare la Germania. Era monaca nel monastero di Wimborne (Dorset) e dopo due anni divenne badessa delle monache del doppio monastero, istituito da suo fratello Villibaldo ad Heidenheim, mentre l’altro fratello Vunibaldo guidava il ramo maschile. Alla morte di Vunibaldo, prese lei la direzione dell’intera istituzione, rimanendo badessa per tutta la vita.
Martirologio Romano: Nel monastero di Heidenheim nella Franconia in Germania, santa Valburga, badessa, che, su richiesta di san Bonifacio e dei suoi fratelli i santi Villibaldo e Vinebaldo, dall’Inghilterra venne in Germania, dove resse saggiamente due monasteri, di monaci e di monache.
Il suo nome è stato trascritto in varie forme: Valpurga, Valburga, Valpurgis. Lei è una delle figure più rappresentative tra i missionari inglesi che nel secolo VIII d.C. diffondono e organizzano il cristianesimo in terra tedesca. Li guida Vinfrido, più conosciuto poi come san Bonifacio e definito l’“apostolo della Germania”, che ha chiamato a quest’impresa molti suoi parenti. Anche Valpurga è una di loro: ha studiato in un monastero del Wessex e poi ha raggiunto la Germania con altre religiose d’Inghilterra. (In questo gruppo di missionari c’è anche la futura santa Leoba o Lioba, una religiosa educata nel monastero dell’isoletta di Thanet, e poi animatrice del monachesimo femminile nel mondo tedesco). 
Di lei si sa che visse nel secolo VIII, di stirpe inglese, Valburga era sorella dei santi Villibaldo e Vunibaldo, faceva parte del gruppo di monache e monaci che aiutarono s. Bonifacio (680-755) ad evangelizzare la Germania. 
In Germania, Valpurga trova i suoi due fratelli: Villibaldo, che è vescovo di Eichstätt, nella Baviera; e Vinnibaldo, che dirige a Heidenheim un monastero “doppio”, formato cioè da una comunità maschile e da una femminile sotto un unico abate. Questa è una novità trapiantata dall’Inghilterra, e qui Valpurga diventa badessa dopo la morte del fratello nel 761: una donna che comanda anche agli uomini. Guidata da lei, l’abbazia continua a essere un centro di forte irradiazione religiosa e culturale, e di aiuto alla gente del luogo, secondo la tradizione benedettina. Non vi mancano le monache scrittrici come Ugeburga, biografa dei due fratelli Villibaldo e Vinnibaldo. 
Valpurga guida monaci e monache di Heidenheim per diciotto anni, fino alla sua morte, e subito dopo si diffonde intorno alla sua figura una venerazione popolare che dura nel tempo. Circa un secolo dopo, il vescovo di Eichstätt fa portare il corpo di Valpurga nella sua città, e altre reliquie arrivano in Francia e nelle Fiandre. Dalla sua nuova tomba trasuda per qualche tempo una sostanza liquida che, secondo alcuni, sarebbe un medicamento prodigioso. Un’ingenua voce, che a suo modo tramanda la fama di Valpurga come soccorritrice dei sofferenti. Venerata come santa per voce dei fedeli, in suo onore sono state istituite due feste: nell’anniversario della morte (25 febbraio) e poi nel giorno della sua traslazione a Eichstätt, avvenuta il 1° maggio 870. Ma la notte sul 1° maggio – secondo remote leggende precristiane diffuse nel mondo germanico – era anche quella in cui una moltitudine di streghe si abbandonava a deliranti festini, in mezzo a "un nebbione d’inferno", mentre "irrompe a fiumi un furibondo canto di magia" (dal Faust di Goethe). Per questa casuale coincidenza cronologica, l’immaginaria notte delle streghe scatenate viene anche chiamata “notte di santa Valpurga”. Due realtà distanti, che proprio non hanno nulla da spartire. 
Nell’893 ci fu una cerimonia di diffusione delle sue reliquie, considerata come una ‘canonizzazione’, alcune furono mandate nelle Fiandre, nella Francia del Nord e nella Renania, contribuendo così alla diffusione del culto per santa Valburga. 
Il re di Francia, Carlo III il Semplice (879-929), costruì nel suo palazzo ad Attigny, un santuario a lei dedicato. È celebrata normalmente nel giorno della sua morte il 25 febbraio, ma ha anche altre date celebrative a Eichstätt e Zutphen.


Autore: Antonio Borrelli


Saint LUIGI VERSIGLIA, évêque et martyr

San Luigi Versiglia Vescovo e martire


Oliva Gessi, Pavia, 5 giugno 1873 – Li Thau Tseui, Cina, 25 febbraio 1930

Il vescovo Luigi Versiglia, salesiano, è uno dei 120 martiri della Cina canonizzati da Giovanni Paolo II il 1° ottobre 2000. Nato nel 1873 a Oliva Gessi, in provincia di Pavia, conobbe personalmente don Bosco. Ordinato sacerdote nel 1895, fu per dieci anni maestro dei novizi nella Casa salesiana di Genzano. Fin da giovanissimo portava nel cuore il desiderio di partire missionario. Così nel 1906 fu scelto come capogruppo dei primi missionari salesiani in partenza per la Cina. Visse il suo apostolato prima a Macao e poi nella regione del Kwangtung, nel Sud della Cina, dove fondò la missione di Shiu Chow di cui nel 1920 divenne vicario apostolico e primo vescovo. Mentre la Cina sprofondava sempre più nella guerra civile, verso la fine del gennaio 1930 si mise in viaggio assieme al giovane confratello don Callisto Caravario (anche lui nel gruppo dei 120 martiri) per raggiungere i cristiani della piccola missione di Lin-Chow. Furono uccisi insieme da un gruppo di banditi il 25 febbraio 1930. (Avvenire)

Emblema: Bastone pastorale

Martirologio Romano: Sulle rive del fiume Beijang vicino alla città di Shaoguan nella provincia del Guandong in Cina, santi martiri Luigi Versiglia, vescovo, e Callisto Caravario, sacerdote della Società Salesiana, che subirono il martirio per aver dato assistenza cristiana alle anime loro affidate.

Fra i martiri canonizzati il 1° ottobre dell’anno giubilare del 2000, papa Giovanni Paolo II ha proclamato santi due membri della Famiglia Salesiana, monsignor Luigi Versiglia e padre Callisto Caravario, che insieme furono assassinati dalla furia dei briganti, che odiavano i missionari.

Luigi Versiglia nacque il 5 giugno 1873 a Oliva Gessi, in provincia di Pavia; a 12 anni venne mandato a Torino a studiare alla scuola di san Giovanni Bosco, il quale, in un fugace incontro nel 1887, gli disse: «Vieni a trovarmi ho qualcosa da dirti», ma don Bosco non potè più parlare con Luigi perché si ammalò e morì. Il giovane era legatissimo alla figura di don Bosco, tanto che, per rispondere alla chiamata vocazionale, decise a 16 anni di emettere i voti religiosi nella congregazione dei Salesiani.

Dopo aver completato gli studi superiori, frequentò la Facoltà di Filosofia all’Università Gregoriana di Roma e le ore libere le trascorreva fra i giovani. Venne ordinato sacerdote nel 1895 a soli 22 anni. L’anno dopo fu nominato direttore e maestro dei novizi nella Casa di Genzano di Roma, carica che tenne per dieci anni, durante i quali si distinse per le notevoli capacità formative sui futuri sacerdoti.
Fin dal principio la sua aspirazione era quella di raggiungere le missioni per portare Cristo ai popoli, aspirazione che si realizzò a 33 anni, diventando il responsabile dei primi Salesiani che nel 1906, con coraggio e fede indomita, partirono alla volta della lontanissima, per quei tempi molto più di oggi, nazione cinese.

Padre Versiglia si stabilì a Macao dove fondò la Casa Madre dei Salesiani, che divenne un attivo centro di apostolato e di fede per tutti i cattolici della città e dove il missionario si occupò con grande amore dei bambini soli. Nella città era da tutti conosciuto come il «padre degli orfani».

Aprì la missione di Shiu Chow nella regione del Kwangtung, nel sud della Cina, della quale nel 1920 venne nominato e consacrato primo vescovo e Vicario Apostolico. Fu un vero pastore, completamente dedito ai fedeli e nonostante le molte difficoltà, in un tempo di gravi tensioni sociali e politiche, che culmineranno con la nascita della nuova Repubblica cinese, il Vescovo riuscì a dare una solida struttura alla diocesi, realizzando un seminario, alcune case di formazione, delle residenze, un orfanotrofio, scuole, casa di riposo per anziani e lavorando notevolmente nell’opera catechistica. Monsignor Versiglia fu un vero maestro, padre e pastore dall’enorme anima caritatevole, un punto di riferimento sia per i sacerdoti salesiani che per i cinesi, nel quale riconoscevano la dedizione totale e disinteressata.

Intanto la situazione politica in Cina era alquanto agitata: la nuova Repubblica Cinese, nata il 10 ottobre 1911, con il generale Chang Kai-shek, aveva riportato all’unità la Cina, sconfiggendo nel 1927 i signori della guerra che tiranneggiavano varie regioni. Ma la pesante infiltrazione comunista nella nazione e nell’esercito, sostenuta dall’Unione Sovietica di Stalin, aveva persuaso il generale ad appoggiarsi alla destra e a dichiarare fuori legge i comunisti (aprile 1927), avviando così una feroce guerra civile.

La provincia di Shiu-Chow di monsignor Luigi Vermiglia era territorio di fitto passaggio e di sosta dei vari gruppi combattenti, perciò divennero frequenti i furti e le violenze perpetrate anche ai danni di coloro che venivano definiti «diavoli bianchi», cioè i missionari, amati dalla gente più povera, che spesso trovava, proprio nelle Missioni, il rifugio da ladri, assassini e dai loro saccheggi. I più temibili erano i pirati e la soldataglia comunista, per la quale la distruzione del Cristianesimo era un dovere programmato. In questo contesto di terrore, le attività missionarie subirono un forte danno, soprattutto quando si trattava di spostasi nei vari e sparsi villaggi: le catechiste e le maestre non si mettevano in viaggio se non accompagnate dai missionari; d’altronde per il pericolo incombente sia sulle vie di terra che sui fiumi, il Vescovo Luigi Versiglia non aveva più potuto visitare i cristiani della missione di Lin-Chow (villaggio di 40 mila abitanti, devastato dalla guerra civile), composta da due piccole scuole e duecento fedeli, 

Tuttavia, verso la fine del gennaio 1930, il Vescovo, dopo molta attesa, decise di partire per non lasciare più solo il suo piccolo gregge, affidandosi unicamente alla volontà di Dio.


Autore: Cristina Siccardi



Il 1° ottobre del 2000, papa Giovanni Paolo II ha solennemente canonizzato ben 120 martiri in Cina, di cui sei vescovi, un buon numero di sacerdoti missionari di vari Ordini religiosi, alcune suore e un sostanzioso numero di fedeli cinesi.

I martiri testimoniarono con il loro sangue la fedeltà a Cristo e alla sua religione, in varie epoche e in vari luoghi dell’immenso Impero asiatico, a partire dal 1648 e fino al XX secolo.

Fra loro vi sono due componenti della grande Famiglia Salesiana, mons. Luigi Versiglia e padre Callisto Caravario, che insieme furono uccisi dalla furia di bande di briganti, contrari ai missionari.
In questa scheda parliamo solo del vescovo Versiglia, per padre Caravario (1903-1930), esiste una scheda propria.

Luigi Versiglia nacque il 5 giugno 1873 a Oliva Gessi (Pavia); a 12 anni venne mandato a Torino a studiare da don Bosco, il quale in un fugace incontro nel 1887, gli disse: “Vieni a trovarmi ho qualcosa da dirti”, purtroppo la successiva malattia e la morte del santo, impedì quel colloquio, ma l’adolescente Luigi ne rimase comunque conquistato.

A 16 anni emise i voti religiosi diventando un Salesiano; dopo aver completato gli studi superiori, frequentò la Facoltà di Filosofia all’Università Gregoriana di Roma, trascorrendo le ore libere fra i giovani; fu ordinato sacerdote ad appena 22 anni nel 1895.

Ma già nell’anno successivo fu nominato direttore e maestro dei novizi nella Casa di Genzano di Roma, carica che tenne per dieci anni, dimostrandosi un accorto e adeguato formatore di futuri sacerdoti.

Ma la sua aspirazione fin dalla giovinezza, erano le Missioni e quindi diventò a 33 anni il capogruppo dei primi salesiani, che nel 1906 partirono per la Cina.

Esplicò il suo apostolato a Macao dove stabilì la ‘Casa madre’ dei salesiani, facendola diventare un centro di fede per tutti i cattolici della città; venne chiamato ‘padre degli orfani’.

Aprì la missione di Shiu Chow nella regione del Kwangtung nel sud della Cina, della quale nel 1920 è nominato e consacrato primo vescovo e Vicario Apostolico.

Fu un vero pastore tutto dedito al suo gregge e pur tra tante difficoltà, in quei tempi di gravi tensioni sociali e politiche, che investirono anche le Missioni cattoliche, egli diede al Vicariato una solida struttura con un seminario, case di formazione, residenze, orfanotrofio, scuole, ricoveri per anziani, moltiplicando le opere catechistiche.

Si dimostrò più un padre che uomo di autorità, dando l’esempio del lavoro e della carità, sempre conforme alla valutazione delle reali forze dei confratelli.

Intanto la situazione politica in Cina non era tranquilla, la nuova Repubblica Cinese nata il 10 ottobre 1911, con il generale Chang Kai-shek, aveva riportato all’unità la Cina, sconfiggendo nel 1927 i ‘signori della guerra’ che tiranneggiavano varie regioni.

Ma la pesante infiltrazione comunista nella nazione e nell’esercito, sostenuta da Stalin, aveva persuaso il generale ad appoggiarsi alla destra e a dichiarare fuori legge i comunisti (aprile 1927), per questo la guerra civile era ricominciata.

La provincia di Shiu-Chow posta tra il Nord e il Sud era luogo di passaggio o di sosta dei vari gruppi combattenti fra loro e quindi erano usuali, furti, incendi, violenze, delitti, sequestri. 

Era pure difficile distinguere in queste bande che saccheggiavano, i soldati sbandati, i mercenari, i killer prezzolati, i pirati che approfittavano del caos.

In quei tristi tempi anche gli stranieri rischiavano la vita e venivano classificati con disprezzo “diavoli bianchi”; i missionari erano in genere amati dalla gente più povera e le Missioni diventavano il rifugio nei momenti di saccheggio, ma i più temibili erano i pirati, che non avevano riguardo per nessuno e i soldati comunisti, per i quali la distruzione del Cristianesimo era un loro programma.

Per questo negli spostamenti necessari per le attività missionarie nei vari e sparsi villaggi, i catechisti e le catechiste, le maestre e le ragazze, non si mettevano in viaggio se non accompagnate dai missionari; d’altronde per il pericolo incombente sulle vie di terra e sui fiumi, anche il vescovo Luigi Versiglia non aveva potuto fino allora visitare i cristiani della piccola missione di Lin-Chow composta da due scuolette e duecento fedeli, nella devastata città di 40mila abitanti, turbata dalla guerra civile.

Ma verso la fine di gennaio 1930 si convinse che bisognava partire, senza aspettare più che le vie fossero sicure, affidandosi alla volontà di Dio; ai primi di febbraio giunse al centro salesiano di Shiu-Chow il giovane missionario don Callisto Caravario di 26 anni, responsabile della missione di Lin-Chow, per accompagnare il Vicario Versiglia nel viaggio.

Fatti i rifornimenti, sia per il viaggio previsto di otto giorni, sia per i bisogni della piccola missione, all’alba del 24 febbraio ci fu la partenza in treno del gruppo, composto da mons. Versiglia, padre Caravario, due giovani maestri diplomati all’Istituto Don Bosco, uno cristiano l’altro pagano, le loro due sorelle Maria di 21 anni maestra e Paola 16 anni che lasciati gli studi tornava in famiglia, inoltre la catechista Clara di 22 anni.

Dopo una sosta notturna alla Casa Salesiana di Lin-kong-how, s’imbarcarono il 25 febbraio sulla barca che doveva risalire il fiume Pak-kong, fino a Lin-Chow dalla piccola comunità di don Caravario; al gruppo si aggiunse un’anziana catechista che doveva affiancare la più giovane Clara e un ragazzo di 10 anni, che si recava alla scuola di don Caravario.

La grossa barca era condotta da quattro barcaioli e risalendo il fiume verso mezzogiorno, avvistarono sulla riva, dei fuochi ravvivati da una decina di uomini; giunti alla loro altezza essi intimarono alla barca di accostare e fermarsi.

Chiesero ai barcaioli, puntando fucili e pistole, chi trasportavano e saputo che si trattava del vescovo e di un missionario, dissero: “Non potete portare nessuno senza la nostra protezione. I missionari devono pagarci 500 dollari o vi fucileremo tutti”.

Pagare un pedaggio lungo i fiumi, era diventata una triste abitudine, ma 500 dollari era una cifra che nessuno portava in un viaggio.

I missionari allora cercarono di far capire loro che non possedevano tanto denaro, ma i pirati saltarono sulla barca e la esplorarono; scorsero le ragazze rifugiate in quella specie di baracca situata a poppa della barca, allora esclamarono: “Portiamo via le loro mogli!”.

I missionari ribatterono che non erano loro mogli, ma alunne che venivano accompagnate a casa, nel contempo con i loro corpi cercavano di bloccare l’entrata della baracca. I pirati allora minacciarono di dar fuoco alla barca, prendendo fascine di legna da una vicina barca, ma la legna era fresca e non si accendeva subito, nel mentre i missionari riuscivano a soffocare le prime fiamme.

Infuriati i pirati presero dei rami più grossi dalle fascine e bastonarono i due missionari, dopo molti minuti il cinquantasettenne vescovo cadde e dopo qualche minuto anche don Caravario; a questo punto i malviventi si avventarono sulle donne trascinandole sulla riva fra i loro disperati pianti.

Anche i due missionari furono portati a terra, i barcaioli con l’anziana catechista, il ragazzo e i due fratelli delle donne, furono lasciati liberi di proseguire, una volta giunti alla tappa precedente furono avvisati i missionari del luogo e le autorità, che mandarono drappelli di soldati.

Ma intanto sulla riva del fiume si consumava la tragedia, i due salesiani legati si confessarono a vicenda, esortando le tre ragazze ad essere forti nella fede, poi i pirati li fecero incamminare per una stradetta lungo il corso del Shiu-pin, piccolo affluente del Pak-kong, nella zona di Li Thau Tseui; il vescovo Versiglia li implorò: “Io sono vecchio, ammazzatemi pure. Ma lui è giovane risparmiatelo!”.
Le donne mentre venivano spinte verso una pagoda, udirono cinque colpi di fucile e dieci minuti dopo gli esecutori tornarono dicendo: “Sono cose inspiegabili, ne abbiamo visto tanti… tutti temono la morte. Questi due invece sono morti contenti e queste ragazze non desiderano altro che morire…”.
Era il 25 febbraio 1930; le ragazze furono trascinate sulla montagna, restando in balia dei banditi per cinque giorni. Il 2 marzo i soldati raggiunsero il covo dei banditi, i quali dopo un breve scontro a fuoco, fuggirono lasciando libere le ragazze; che divennero preziose e veritiere testimoni del martirio dei due missionari salesiani, che avevano dato la vita per difenderle.

Papa Paolo VI nel 1976 li dichiarò ‘martiri’ e papa Giovanni Paolo II il 15 maggio 1983 li beatificò.


Autore: Antonio Borrelli


Saint TURIBIO ROMO GONZALEZ, prêtre et martyr

San Turibio Romo Gonzalez Sacerdote e martire



Santa Ana de Guadalupe, Messico, 16 aprile 1900 - Tequila, Messico, 25 febbraio 1928

Nacque a Santa Ana de Guadalupe, appartenente alla parrocchia di Jalostotitlán, Jalisco, (Diocesi di San Juan de los Lagos) il 16 aprile del 1900. Vicario con funzioni di parroco a Tequila, Jalisco (Arcidiocesi di Guadalajara). Sacerdote dal cuore sensibile e di assidua orazione. Profondamente preso dal mistero dell'Eucarestia chiese molte volte: "Signore non mi lasciare nemmeno per un giorno senza dire la Messa, senza abbracciarti nella Comunione". In occasione di una Prima Comunione, tenendo l'Ostia Sacra nelle sue mani disse: "Signore, accetteresti il mio sangue che ti offro per la pace della chiesa?". Mentre si trovava ad "Agua caliente", luogo vicino a Tequila, che serviva come rifugio e centro del suo apostolato, volle aggiornare i registri parrocchiali. Lavorò tutto il giorno del venerdí ed anche la notte. Alle cinque della mattina del sabato 25 febbraio 1928, volle celebrare l'Eucarestia ma, sentendosi molto stanco e con sonno, preferì dormire un po' per celebrare meglio. Si era appena addormentato quando un gruppo di contadini e soldati entrarono nella stanza e uno di questi lo indicò dicendo: "Quello è il sacerdote, uccidetelo", el Padre Toribio si svegliò impaurito, si sollevò e lo colpirono. Ferito e vaccillante camminò un po, ma una nuova scarica, alle spalle gli tolse la vita ed il suo sangue generoso tinse di rosso la terra di questa zona di Jalisco.

Emblema: Palma

Martirologio Romano: In località Tequila nel territorio di Guadalajara in Messico, san Turibio Romo, sacerdote e martire, che fu ucciso nell’imperversare della persecuzione in odio del suo sacerdozio.

Per ordinarlo prete, dato che ha solo 22 anni e qualche mese, ci vuole a norma di codice la dispensa papale, ma gli inizi del suo ministero non sono dei migliori. Nella prima parrocchia la gente non lo capisce e gli crea un mucchio di difficoltà; nella seconda gli proibiscono addirittura di celebrar messa e recitare il rosario in pubblico. Forse è un po’ troppo schierato dalla parte dei poveri, forse dà noia a qualcuno, certamente è un elemento che disturba e che bisogna “tenere a bada”. Lui ingoia, sopporta, soffre in silenzio; al vescovo ricorre non per chiedere giustizia, ma per spiegare le cose secondo verità. Il vescovo ascolta e…lo trasferisce: quattro parrocchie in appena cinque anni e nell’ultima lo manda come parroco perché il clima di quegli anni, da generalmente caldo, lì si è fatto rovente e nessuno vuole andarci. Anche così si forma un prete: tra le incomprensioni del parroco, le diffidenze dei fedeli e le cattiverie delle malelingue. Toribio Romo Gonzalez nasce nel 1900 in una famiglia messicana di umili condizioni, dove davvero si lavora per mangiare e dove anche i più piccoli devono fare la loro parte. Così nessuno è più contrario dei genitori al suo ingresso in seminario: perché le sue braccia si stan facendo robuste e servono per mantenere la famiglia; ma anche perchè non ci sono soldi per comprare i libri. Fortuna sua che in casa c’è anche Maria, la sorella maggiore, che si prende cura della sua vocazione, lavorando nei campi al posto suo e mettendo da parte i soldi per gli studi. E’ forse per questa povertà che lo accompagna fin dalla nascita, che Toribio, non appena prete, si schiera dalla parte dei poveri. Nelle varie parrocchie in cui lo mandano, per prima cosa organizza l’Azione Cattolica, insegna catechismo ai bambini, ma soprattutto aiuta i poveri e sostiene i lavoratori.. A settembre del 1927, nel pieno della persecuzione religiosa e della rivolta dei “cristeros”, diventa parroco di Tequila. Vi porta il suo grande amore per l’Eucaristia, la sua spiritualità forte, la sua prolungata preghiera: quando non è in giro ad amministra sacramenti, per trovarlo bisogna cercarlo in chiesa, ai piedi del tabernacolo. “Non lasciarmi un solo giorno senza Eucaristia”, è la sua preghiera di ogni giorno, ma intanto diventa un “prete in incognito”, che battezza, predica e celebra in clandestinità per sfuggire alla “caccia al prete” che il generale Calles ha instaurato in Messico. A dicembre 1927 il fratello Roman è ordinato prete e il vescovo glielo assegna come viceparroco: con loro va ad abitare anche la sorella Maria, che continua a prendersi cura delle due vocazioni di cui è stata “mamma” e li aiuta a fare catechismo. Hanno stabilito il loro “quartier generale” in una vecchia fabbrica di tequila, dove celebrano di nascosto. Qui, durante la prima comunione di un gruppetto di bambini, padre Toribio ha trovato la forza di dire: “Gesù, accetteresti il mio sangue per la pace del Messico?” All’alba del 25 febbraio 1928, dopo una notte trascorsa a sistemare i registri parrocchiali, viene svegliato da un gruppo armato che fa irruzione nella casa che lo ospita e che è guidato da un contadino della zona. E’ lui ad indicarlo agli altri: “Questo è il prete”. Nella risposta di Padre Toribio non c’è nulla di eroico: “Sì, sono il prete, ma non uccidermi”. Lo crivellano di colpi e Maria raccoglie tra le lacrime il suo ultimo respiro. Su una barella improvvisata il corpo del martire viene portato in piazza ed esposto allo scherno e alle oscenità dei suoi assassini, ma i parrocchiani riescono a recuperarlo e a dargli degna sepoltura il giorno dopo, con un funerale che sembra la “canonizzazione popolare” di padre Toribio. Che di lì a poco comincia davvero a far miracoli: a lui ricorrono, soprattutto, i malati di tumore, le donne desiderose di un figlio e gli emigranti, sia regolari che clandestini per necessità, che nell’attraversare le frontiere si raccomandano a lui. Alla sua tomba accorrono anche i “vip” e i calciatori, anch’essi contagiati da quello che i “media” messicani hanno definito la “toribiomania”. Nessuno riesce a spiegarsi la popolarità che gode questo umile e giovane prete, mentre fioccano grazie speciali, insieme a veri e propri miracoli, che attirano nel suo piccolo villaggio natale anche duecento pulman ogni domenica. Giovanni Paolo II° lo ha beatificato nel 1992 e lo ha proclamato santo il 21 maggio 2000.

Autore: Gianpiero Pettiti